Sony-press-e3-2018-5916

Shawn Layden di Sony vuole un numero minore di giochi PlayStation più grandi

È sempre stato difficile realizzare un videogioco che vogliamo acquistare. Internet lo sta rendendo ancora più difficile.

Titoli come il gioco di avventura post-apocalittico di Bethesda Fallout 76 e il simulatore di guerra di Battlefield 5 di Electronic Arts sono diventati sacchi da boxe di giocatori di spicco su YouTube e Twitter quando sono stati lanciati l'anno scorso.

Giocatori e recensori hanno criticato allo stesso modo Fallout 76 come un gioco mal realizzato che offriva un po 'nuova sensazione o divertimento rispetto al suo premiato predecessore, Fallout 4 2015 .

Alcuni critici, nel frattempo, erano arrabbiati con EA per la presenza di una donna nella sua commercializzazione di Battlefield 5 , un gioco di tiro ambientato durante la seconda guerra mondiale. A peggiorare le cose, il gioco era incompleto quando è stato rilasciato, mancando una modalità Royale di battaglia promessa per competere con Fortnite .

Shawn Layden, ex capo del team statunitense PlayStation di Sony, ora dirige la divisione giochi.

Shawn Layden ha un piano per evitare quegli errori. Come ex capo della PlayStation di Sony negli Stati Uniti e ora capo dei suoi 13 studi di sviluppo che realizzano giochi come l'attesissimo gioco di zombi The Last of Us Part 2 , Layden ha dichiarato di essere più disposto a ritardare i giochi per assicurarsi che incontrino una barra di qualità sempre più alta.

‘In qualità di sviluppatore esclusivo per PlayStation, dobbiamo sempre impostare il massimo livello, per spingere la tecnologia oltre gli altri’, ha affermato.

I fan turbati non sono l'unico ostacolo che Layden e la sua squadra devono evitare. Il gioco potrebbe essere più grande che mai, ma queste controversie sono diventate molto più che un dramma su Internet. Nel caso di EA, i passi falsi dell'azienda si sono tradotti in vendite deludenti per Battlefield .

Anche altri produttori di giochi sono stati colpiti. Anche la PlayStation 4 di Sony, considerata il leader del mondo delle console con oltre 94 milioni di unità vendute negli ultimi sei anni, ha faticato a guadagnare profitti durante le vacanze.

Tutto ha portato un analista a prevedere che quest'anno l'industria dei videogiochi dovrà affrontare il suo primo calo delle vendite in oltre due decenni.

Parte del lavoro di Layden è assicurarsi che gli studi di gioco di proprietà di Sony attirino i fan su PlayStation con giochi esclusivi.

L'anno scorso, quelli erano titoli come Marvel's Spider-Man , che ha entusiasmato i fan con la sua storia drammatica e la ricostruzione dettagliata di New York, conquistando un posto in molte liste del gioco dell'anno. Un'altra grande uscita di Sony dell'anno scorso, una nuova puntata della popolare serie God of War , ha fatto altrettanto bene.

I giochi esclusivi imminenti della società, come The Last of Us Part 2, un gioco d'azione ispirato all'antico Giappone chiamato Ghost of Tsushima , il gioco post-apocalittico per motociclisti Days Gone e un gioco di costruzione mondiale chiamato Dreams , dovrebbero essere le versioni principali sia su PS4 che, se le voci sono vere , una potenziale PlayStation 5 quando verrà lanciata nei prossimi due anni.

Parlando dal suo ufficio di San Mateo, in California, proprio sulla strada di altri grandi produttori di giochi come Nintendo ed Electronic Arts, Layden non ha discusso del nuovo dispositivo. Ma ha detto che le nuove tecnologie che potrebbero sostituire le console domestiche, come la tecnologia di streaming di giochi simile a Netflix, sono ancora lontane anni dall'adozione di massa.

Ha anche lasciato intendere che Sony è pronta ad acquistare altri produttori di videogiochi mentre cerca di espandere i tipi di giochi che produce. Neanche lui è solo. Il team Xbox di Microsoft ha annunciato diverse acquisizioni in studio di giochi nell'ultimo anno, poiché il gioco ha acquisito maggiore importanza in quella società.

Di seguito sono riportati alcuni estratti della nostra conversazione con Layden, poco prima del suo discorso di apertura al vertice del videogioco DICE a Las Vegas martedì .

Con giochi come Fortnite: Battle Royale che diventa così popolare, come decidi quali tipi di giochi realizzare? Che si tratti di creare un tipo di gioco concorrente diretto o qualcosa di diverso?

Non voglio entrare anche in me. Penso che il mondo abbia tutto il battle royale di cui ha bisogno in questo momento.

Penso che negli ultimi tre o quattro anni abbiamo fatto molto per portarci in un posto dove stiamo costruendo meno giochi all'anno che mai, ma stiamo spendendo più tempo, più energia, sicuramente più soldi , nel farli.

Quindi stiamo colpendo tutti i ritmi che vogliamo e stiamo ottenendo consensi sia critici che commerciali. Vediamo ora cosa potremmo aggiungere al nostro arsenale. Ho visto alcune opportunità in passato, è un'opportunità per cercare quelle che si adattano meglio alla cultura.

sony15

Come decidi quali produttori di giochi comprerai?

Esploriamo sempre opportunità. Se trovassimo un partner o una squadra o un gioco che ritenevamo particolarmente significativi e interessanti in un'area di servizio, cercheremo di farcela. Siamo sempre aperti a quel tipo di esperienza.

Cerchiamo di rendere davvero facile per i nostri team concentrarsi su ciò che la nostra visione è per il futuro. E lo abbiamo semplificato in ‘primo, migliore o necessario’.

Se il tuo titolo sarà ‘primo’ e creerà un genere, o ‘primo’ e creerà una nuova attività di gioco, diamo un'occhiata a quello. Se hai intenzione di creare un gioco di avventura e azione, è meglio che sia ‘il migliore’ della classe. E abbiamo la terza categoria chiamata ‘must’, ovvero dobbiamo supportare la piattaforma, dobbiamo essere presenti quando esce la nuova tecnologia.

Come VR o controller di movimento o qualcosa del genere?

Si. Dobbiamo guidare.

Si parla molto di come si dice che Apple stia creando un servizio di gioco e Google ha collaborato con Ubisoft l'anno scorso per testare un possibile servizio di streaming, per non parlare anche dell'annuncio di EA di uno . E Amazon ha acquistato anche uno studio di gioco qualche tempo fa. Come vedi tutto questo cambiare il tuo mondo? Improvvisamente, non sono più solo Sony, Microsoft e Nintendo.

È un'affermazione che il gioco è qui per restare. Sta crescendo drammaticamente e sta diventando un panorama di intrattenimento molto più ampio. Con i grandi giocatori che arrivano come hai menzionato, porteranno nuova energia, stimolo e agitazione.

Il servizio PlayStation Now sullo schermo di un laptop Dell, che mostra il gioco Shadow of the Colossus.

Con tutto questo discorso in streaming, ne vale ancora la pena? Hai PlayStation Now e l'ho usato, ma non ci farei un gioco di tiro. Non mi sento pronto a sostituire la mia console.

È sicuramente una cosa. La sfida intorno allo streaming è che mentre può arrivare in un posto ragionevolmente veloce che le persone che vivono in cima a un buon nodo in SOMA o Seoul o Stoccolma possono avere una buona vita in streaming, se sei PlayStation e sei disponibile in 168 paesi di tutto il mondo, lo streaming sarà una cosa che avrà interesse per determinate persone in determinati luoghi.

Ma ancora, per la stragrande maggioranza della comunità di gioco, i nostri 94 milioni di PlayStation 4 là fuori, penso che ci sia ancora molta vita in una console locale.

E consegnato anche su Internet non ancora? La prima cosa a cui penso quando la gente parla anche di giochi scaricabili è l'esercito: non c'è sempre una buona connessione a Internet per scaricare giochi in zone di guerra. Hanno bisogno di qualcosa che puoi portare loro in una scatola postale. Ma è una sfida. Quando stavi sviluppando la PS4, si parlava di renderla scaricabile solo , ma hai deciso di rimanere parzialmente sul disco a causa di questi motivi.

Non so quale sia la linea temporale. Se la PlayStation continua a crescere a questo ritmo, non possiamo lasciare indietro nessun giocatore. Ma lo streaming è qualcosa in cui PlayStation è attiva e vogliamo assicurarci di rimanere aggiornati su quella tecnologia.

Non sei la prima grande azienda a uscire dal grande spettacolo di videogiochi E3 a giugno, ma sono curioso di sapere perché hai scelto quest'anno di abbandonare?

Quando decidemmo di eliminare i videogiochi dal CES , nel 1995, durante l'era della PlayStation 1, E3 serviva due collegi elettorali: rivenditori e giornalisti.

I rivenditori entrerebbero: vedresti entrare un ragazzo e lui direbbe: ‘Sono di Sears e gestisco Hot Wheels, Barbie, VHS e videogiochi. Allora, di che cosa stai parlando?’ C'era un'enorme componente educativa.

Poi c'erano giornalisti che avevano riviste e tempi di consegna e fantino per la posizione sulla copertina. E non c'era internet di cui parlare. Quindi una fiera in quel periodo dell'anno per questa nascente industria era esattamente ciò che dovevamo fare.

Sony-press-e3-2018-5916

Ora abbiamo un evento a febbraio chiamato Destination PlayStation, in cui portiamo tutti i rivenditori e i partner di terze parti a venire a sentire la storia dell'anno. Stanno discutendo degli acquisti a febbraio. Giugno, ora, è troppo tardi per discutere le vacanze di Natale con i rivenditori.

Quindi la vendita al dettaglio è davvero calata. E i giornalisti ora, con Internet e il fatto che 24/7 ci siano novità sui giochi, ha perso il loro impatto.

Quindi la fiera è diventata una fiera senza molte attività commerciali. Il mondo è cambiato, ma E3 non è necessariamente cambiato con esso.

E con la nostra decisione di fare meno giochi – giochi più grandi – per periodi di tempo più lunghi, siamo arrivati a un punto in cui giugno del 2019 non era il momento per noi di dire qualcosa di nuovo. E ci sentiamo come se suonassimo il campanello e le persone si presentassero qui in vigore, le persone si aspettano ‘Oh, ci diranno qualcosa’.

Stiamo facendo progressi nella conversazione, come trasformiamo l'E3 in modo che sia più pertinente? E3 può passare di più in un festival di fan del gioco, dove non ci riuniamo per lanciare la nuova bomba? Non può essere solo una celebrazione dei giochi e dei pannelli in cui avviciniamo gli sviluppatori di giochi ai fan?

Quasi come il Comic-Con?

Sì, questa è probabilmente la traiettoria che deve seguire per mantenere la pertinenza.

Cosa succede ai grandi annunci? Succedono solo su YouTube? Che aspetto ha questo futuro perfetto di Shawn Layden?

In un perfetto futuro di Shawn Layden, vivo a Tahiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *